PILLOLA nr.101

HEINEKEN

“”…C’era un bar, il Mama’s. Mama Selino era proprietaria della licenza, cucinava paste assolutamente deliziose, e adorava i malviventi avventori del suo locale. Suo figlio Frank, un emulo di Van Gogh, gestiva il posto. Le sue tele occupavano tutte le superfici disponibili.
Il Mama’s era un posto carino, ma la presenza di Frank non favoriva certo l’incremento della clientela. Una volta, un pomeriggio di caldo torrido, era capitato nel bar un nuovo cliente, e Frank era di malumore. Non era proprio una bella giornata per Frank e le sue velleità di artista. Dopo dieci, quindici minuti, il cliente aveva tossito per attirare l’attenzione del proprietario. E Frank, anziché servirlo, gli aveva lanciato una bottiglia di Heineken, cosicché il malcapitato aveva visto bene di darsela a gambe levate. Inutile aggiungere che la clientela del Mama’s era molto limitata..””.

tEdward Bunker, EDUCAZIONE DI UNA CANAGLIA, Einaudi, Torino 2002.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...