PILLOLA nr.183

SURREALISMO

“”… ogni giorno, fra l’ una e le tre del pomeriggio, i miei genitori chiudevano El Combate e venivano a casa per pranzo. Jaime si sedeva a capotavola davanti alla finestra (e così si appropriava della luce del cielo, ricevendola sulla schiena). Accanto a sé, alla sua destra, faceva sedere mia sorella. A me assegnava sdegnosamente il lato sinistro, un po’ più lontano. E all’ estremità opposta, lontano, sola sulla sua isola emozionale regnava mia madre, che mangiava sempre con le pupille rivolte al soffitto per esprimere quanto le facesse schifo il modo di mangiare di mio padre, estremamente scomposto. Quel giorno, innervosito per l’ accumulo dei debiti, Jaime divorava il cibo che la nostra fedele domestica gli aveva servito insozzandosi le labbra e la camicia più del solito. Tutt’ a un tratto Sara emise un sordo gemito e mormorò: “Questo uomo è un porco, mi fa vomitare”. Alle spalle di mia madre, appeso al muro c’ era un quadro a olio dipinto da un artista commerciale di infima categoria. Era il solito paesaggio della cordigliera, illuminato dalla luce rossastra di un tramonto. A lei piaceva perché era stata sua madre a suggerirle di acquistarlo. Io e mia sorella lo trovavamo ridicolo. Jaime lo odiava perché gli era costato un sacco di soldi.
Udendo le inaspettate parole di Sara, io e Raquel eravamo ammutoliti per il terrore. Di solito in questi casi Jaime si alzava per tirarle un pugno in uno dei suoi bellissimi occhi. Stavolta non fu così: l’ uomo impallidì, sollevò lentamente il piatto come il sacerdote solleva il calice e scagliò le uova fritte sulla testa di mia madre. Lei le schivò e quelle si spiaccicarono sul quadro. I due tuorli rimasero lì in mezzo al cielo, appiccicati come due soli. E, rivelazione, per la prima volta quel volgare dipinto mi parve bello! Di colpo avevo scoperto il Surrealismo! Più tardi non ebbi nessun problema a comprendere la frase del futurista Marinetti “La poesia è azione”…””

Alejandro Jodoroswky, La danza della realtà, Feltrinelli 2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...