PILLOLA nr.190

TERZO OCCHIO

… Io stesso sono stato coinvolto nello smascheramento di una frode.
Nel corso di un giro di conferenze in Inghilterra, il mio editore Rupert Hart-Davis mi ha detto che c’era un nuovo libro sensazionale sul Tibet. Il suo amico Frederick Warburg, editore del libro, ci ha mandato le bozze da vedere.
Ho dato un’occhiata al testo e ho subito capito che si trattava di una frode. Era un libro di Lobsang Rampa, che affermava di avere lavorato a Lhasa da studente e medico per molti anni nel periodo in cui c’ero anch’io; si intitolava The Third Eye. Ho chiesto a Hart-Davis di telefonare a Frederick Warburg e chiedergli se potessi incontrare Lobsang Rampa perché mi interessava parlare in tibetano con qualcuno vissuto a Lhasa nello stesso periodo in cui ci avevo vissuto io. Ma in risposta ho ricevuto soltanto delle scuse era in meditazione e non poteva parlare con me; pochi giorni dopo mi è stato detto che gli dispiaceva moltissimo ma stava per partire per il Canada. A me sembrava sempre più evidente che si trattava di un falso; Hugh Richardson, rappresentante britannico a Lhasa mentre io ero nel Tibet, alcuni altri tibetologi e io abbiamo cercato di smascherare quell’uomo. A un certo punto Marco Pallis, tibetologo e devoto buddhista che suonava il violoncello in un gruppo di musicisti da camera ed era un esperto di tappeti tibetani, ha deciso di scovarlo. Ha assunto un investigatore che ha finto di essere discepolo di Lobsang Rampa e ha scoperto che, tra gli altri, veniva visitato da membri della nobiltà inglese per lezioni di meditazione. Seduto su un letto enorme, colpiva per la sua barba fluente e il contorno di gatti siamesi, ma in realtà era il figlio di un idraulico del Devonshire che, dopo un incidente d’auto, si era messo a leggere la fortuna alla gente. Quando ha capito che, purché le venisse narrato con abilità, la gente si beveva tutto, Lobsang Rampa s’è messo a scrivere libri sul Tibet e ad arricchirli col misticismo di altre sfere spirituali. Ne è risultato Il terzo occhio, venduto in milioni di copie in tutto il mondo. ..

EINRICH HARRER, RITORNO AL TIBET, Arnoldo Mondadori editore, 1983

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...